GINECOLOGO – OSTERICO SPECIALISTA DI FERTILITA – MD, MSC, MMSC, PHD

Test di Genotipizzazione KIR-HLAC

La genotipizzazione KIR e HLA-C consente di determinare se esiste una buona compatibilità tra i recettori uterini KIR e l’ “estraneo” HLA-C portato dall’embrione. In tal caso, il processo di tolleranza materno-fetale si svilupperà correttamente e la gravidanza si evolverà senza complicazioni.

Nel caso in cui questa compatibilità tra i recettori uterini embrionali HLA-C e KIR non esiste, il processo di accettazione embrionale e quindi la gravidanza saranno compromessi.

Anche quando entrambi i membri della coppia sono sani e fertili, le incompatibilità immunologiche possono influenzare i processi riproduttivi essenziali che, alla fine, possono causare complicazioni e aborti spontanei durante la gravidanza.

Il test di genotipizzazione KIR-HLAC ci consente di:

• Identificare la causa di aborti ricorrenti e fallimento dell’impianto.
• Decidere il numero ottimale di embrioni da trasferire.
• Prevenire possibili complicazioni durante la gravidanza.
• Scegliere un donatore compatibile per la futura donna incinta, sia che si tratti di donazione di ovociti sia di spermatozoi.

Come viene eseguito il test di genotipizzazione KIR-HLAC?
La genotipizzazione KIR-HLAC viene eseguita sul DNA della coppia, pertanto è necessario un campione di sangue di ciascun membro della coppia. I campioni di sangue vengono inviati al nostro laboratorio dove estraiamo il materiale genetico ed effettuiamo la genotipizzazione. In caso di donazione di ovociti o spermatozoi, è richiesta la genotipizzazione HLA-C del donatore/donatrice.
Sulla base dei risultati del test, possiamo fare una diagnosi accurata e decidere il trattamento più adatto alla coppia.

Cosa succede se una coppia è incompatibile con KIR-HLAC?
Nel campo della fertilità, le incompatibilità immunologiche possono influenzare i processi riproduttivi che, alla fine, possono causare il fallimento dell’impianto, aborti ricorrenti e preeclampsia. Quando la combinazione di KIR materna e HLA-C dell’embrione futuro è incompatibile, devono essere presi in considerazione i seguenti aspetti:

• Un’opzione è quella di trasferire un singolo embrione. Ciò evita di esporre la madre a un doppio carico di HLA-C incompatibile.
• Potrebbe essere prescritto alla futura mamma il trattamento con immunomodulatori.
• In caso di donazione di ovociti o spermatozoi, si raccomanda il genotipo HLA-C del donatore e la corrispondenza KIR materna per garantire la compatibilità materno-fetale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email